Moretti Design – Il sarto del fuoco e la sfida del "No Internet"
Comunicati ufficiali

Moretti Design – Il sarto del fuoco e la sfida del "No Internet"

Dopo il successo di  “Progetto Fuoco” con oltre 1000 ingressi  al suo stand, Moretti Design è pronta per presentare al grande pubblico le nuove collezioni 2018. Un successo determinato dalla volontà di un gruppo caparbio, di portare in tutto il mondo la qualità e l’artigianato italiano.

Nell’articolo del Corriere della SeraInserto Economia,  pag 34, “Imprese, I Grandi Gruppi” – Carlotta Clerici intervista Dino Di Resta, Direttore Generale di Moretti Design e portavoce dell’azienda.  

Un mercato che quasi non esisteva in Italia. All’estero, invece, siamo ormai da anni testimoni del made in Italy». Si immagina come un sarto con il fuoco nelle mani Dino Di Resta, direttore generale e ideatore delle nuove collezioni di Moretti Design, azienda specializzata in stufe a pellet e camini a legna, fondata nelle Marche agli albori degli anni Sessanta. E che, dopo solo 18 mesi dal suo arrivo nell’azienda — in attività della famiglia storica, Stefano e Massimo, rispettivamente export manager e direttore del controllo qualità — ha già raccolto risultati: il raddoppio del fatturato (8 milioni circa, con un milione di margine). Tutto nasce da una felice intuizione e la creazione di un vero e proprio «Patto Moretti» (con rescissioni se si infrangono i principi aziendali) da stringere con i rivenditori (solo boutique) che si impegnano al No Internet!. «All’inizio – osserva Di Resta – il nostro piano di conquista del mercato italiano (il brand è esploso prima all’estero, in primis Francia, Portogallo, Spagna, Olanda) e le nostre metodologie potevano sembrare follia, ma se i risultati sono questi, forse, avevamo ragione noi». Il gruppo ha esposto i frutti del lavoro alla Biennale di Verona «Fiera di Progetto Fuoco» a partire dalle prestazione tecnologiche delle stufe: solo 7mila quelle prodotte (forgiate a mano, dal taglio alla saldatura); 18 i nuovi modelli della collezione 2018. «Ogni anno — conclude Di Resta — investiamo il 6/7% del fatturato in ricerca e sviluppo per rendere le nostre macchine di design ad altissima prestazione. Tra le tecnologie più apprezzate, il sistema di pulizia automatico e la gestione in remoto».

I modelli e le tecnologia del Gruppo Moretti sono stati esposti per cinque giorni alla fiera Progetto Fuoco, in cui lo stand è stato visitato dalle principali reti nazionali, tra cui Italia 1, che ha intervistato il Direttore Generale nel servizio di Studio Aperto.


 
 

Lascia il tuo commento qui